Il Coro Vocilassù compie 20 anni

0
8 gennaio 2015

Il Coro “Vocilassù” è nato nel gennaio di quest’anno, per volontà di un gruppo di amici, uniti dalla passione e dal piacere di cantare insieme, consapevoli del fatto che per ottenere risultati sempre più importanti, occorre un impegno serio e costante.

Il suo unico scopo è quello di cantare in montagna senza pretese, ma dignitosamente, sfatando, se possibile, il luogo comune che vuole i cantori dei monti come gente dal bicchiere facile e dal “portamento” musicale congenito.

I componenti del coro a quattro voci pari provengono tutti da precedenti esperienze maturate in altre realtà corali.

Nonostante la sua recentissima costituzione, il coro ha già avuto modo, in diverse occasioni, di appurare il piacere di potersi esprimere in pubblico con soddisfazione.

Una caratteristica particolare che è rappresentativa dello spirito di collaborazione e di armonia che anima il gruppo è quella di avere due direttori: Antonio Pigozzi e Paolo Tavars.

 

Il Coro Vocilassù a Febbio nel febbraio del 1997: è una delle prime immagini del nostro gruppo
Il Coro Vocilassù a Febbio nel febbraio del 1997: è una delle prime immagini del nostro gruppo

E’ il primo curriculum del Coro Vocilassù – scritto da Tiziano Albergucci, ora assessore comunale a Montefiorno e amico del nostro gruppo  – in occasione della rassegna corale del 18 giugno 1995. Sono passati 20 anni e, da allora, abbiamo conosciuto amici, raccontato piccole grandi vicende con le nostre voci, attraversato momenti di gioia e altri difficili, salutato coristi che non ci sono più (come Giancarlo Guidetti), incontrato direttori, come Armano Saielli che tuttora ci guida. Una piccola storia di canto italiano: ve la raccontiamo un poco per volta.

Inauguriamo la Via dei Presepi tra Emilia e Toscana

0
13 dicembre 2014

Il Coro Vocilassù canta ancora il Natale. Dopo la recente esibizione per l’inaugurazione della mostra del presepio di Modena, il nostro coro partecipa – con le proprie voci! – all’edizione 2014/2015 della Via dei Presepi 2014. Si tratta di una delle manifestazione natalizie più care in Appennino. L’edizione 2014/2015 è capace di mettere a frutto, in realtà, quanto si è via via consolidato attorno al tema della Natività. Nata sotto l’egida della Comunità Montana, ora a guida dell’Unione, è iniziata l’8 dicembre e si concluderà il 31 gennaio. La presentazione, però, in due momenti: ieri, venerdì, al Bismantova alla stampa alla presenza di Giorgio Pregheffi, Daniela Pedrini, Emanuele Ferrari, Clementina Santi, Antonio Pigozzi quindi giovedì sera al pubblico al Peri-Merulo di Castelnovo ne’ Monti.

“La Via del Presepio ha seminato e quest’anno raccoglie quanto già c’era ed è stato fatto. Ora è un luogo d’incontro tra le persone e anche tra i due versanti”

Convegno presepisti, l'inaugurazione della mostra a Palazzo Ducale.  (foto Loretta Amorini)

La Via dei Presepi è di fatto un percorso sul tema del Natale che parte dalla città di Reggio, passa per Albinea, Canossa e tutti i comuni dell’Appennino raggiungendo, attraverso i passi di Pradarena, Cerreto e Lagastrello, le località Bagni di Lucca, Equi Terme e le Cinque Terre. Ricca anche dal punto di vista delle diverse rappresentazioni che vanno dai presepi viventi, ai presepi di luci, a cielo aperto e dentro ai borghi. Tra le eccellenze da non perdere emergono: il museo dei presepi di Gazzano curato dal presepista Antonio Pigozzi – già nostro direttore e attuale corista e voce solista – (nella foto un suo presepe) che quest’anno celebra il 25° di fondazione, il presepe di Corneto realizzato da un gruppo di volontari all’ombra del campanile del Ceccati, a Piolo di Ligonchio si scopre la magia del presepe allestito dagli stessi abitanti per le vie del paese, a Ramiseto presepe vivente la notte del 23 dicembre nel Borgo Vecchio e il 27 dicembre a Marmoreto di Busana, presepi dei ragazzi a Campolungo e dei bambini a Casale della Pietra, presepe artistico ad Albinea, presepe vetrina a Baiso, viaggio tra i presepi a Cervarezza, a Castelnovo Monti presepi in vetrina e mostra collettiva di presepi nel centro storico con gli artisti Antonio Pigozzi, Sergio Cardone ed Ugo Viappiani.

Un momento della presentazione

La serata di presentazione si terrà presso la sala concerti dell’istituto musicale Peri-Merulo di Castelnovo Monti giovedì prossimo alle 21, sul tema Voci del Natale. Verranno eseguiti canti e nenie della tradizione natalizia, sia popolari che colti, a cura dell’Associazione Scrittori Reggiani, con testi ricercati da Clementina Santi e narrati dalle voci di Faustino Stigliani e Teresa Pantani e gli stessi leggeranno alcuni testi antichi accompagnati dal coro Vocilassù che, sul tema del Natale, sta promuovendo un’importante opera di recupero, col suo direttore Armando Saielli.